Dedicato a te

4 Ottobre 2020

dedicato a te

Dedicato te, proprio a te!! “Figlio di un Dio minore”. Evitato, non voluto, mai apprezzato, deriso e poco o mai amato. 

Hai fatto a pugni con la vita e con te stesso. Abituato sin dai primi passi ad arrangiarti da solo; solo contro il mondo come unica certezza che bambino non lo sei mai stato e non puoi permetterti di esserlo. Figlio di madre evitante troppo occupata a pensare per sè per poter dare l’amore dovuto a te. Come se tutto, tutto…fosse sempre un dovuto ma mai un gesto spontaneo.
E così si vien su, tra lacrime e dolore, con una corazza così dura che apparire deboli non è concesso.

MAI e a nessun costo.

Dedicato a te

E così ti ritrovi a fare i conti con il mondo, da cui ti abitui a ricevere schiaffi. Come se solo quelli fossero dovuti! Non lo fai coscientemente, ma è solo un modo di vivere, una quotidianità che hai fatto tua e che riconoscere e ammettere è doloroso, troppo doloroso.

A te volevo dire che un altro modo di vivere può esistere e deve esistere. Sei il bersaglio migliore di narcisisti e manipolatori che in te trovano linfa vitale perché assorbono energia, la tua energia che ti sembra infinita ma così non è.


Non è dovuto a nessuno che tu sia sempre forte, nessuno che è davvero importante si allontanerà per le tue lacrime o debolezze. Abbi il coraggio di scegliere e non farti scegliere. Chi tiene davvero a te amerà anche le tue debolezze.

Siamo veramente noi stessi quando possiamo mostrare anche il nostro lato debole, senza che l’altro se ne approfitti o ne sia spaventato.
Non pretendere nulla meno di questo dall’altro da te! Aver preso pugni sin da bambini non significa doverli prendere per sempre.

A te, buona evoluzione! 

Dott.ssa Tiziana Melis


Segui Psicura.it

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla NewsLetter Psicura.it per ricevere, ogni due settimane, tutte le novità e gli aggiornamenti sulle nostre attività.



    0
      0
      Carrello
      Il carrello è vuotoTorna ai Media